Privacy Policy

home curiosità contest premi ricette

domenica 29 aprile 2012

Risotto agli Agretti & Gorgonzola



Devo ammettere che fino a qualche anno fa non conoscevo gli agretti o barba di frate. Ricordo che davanti al banco di frutta e verdura, ero riluttante a comprarli, ma il fruttivendolo fu molto convincente... Dopo averli puliti accuratamente, unico punto a sfavore per loro, perché non amo molto lavare le verdure, li lessai e li mangiai all'insalata. Che buoni!!! Curiosando su internet ho visto che vengono anche abbinati ai primi piatti e quant'altro. Allora ho pensato di provarci anch'io ad elaborare un primo piatto e di "camuffarli" sempre per il solito discorso, far mangiare le verdure ai miei figli! Con le zucchine ci son riuscita, frullandole, e perché no, anche con gli agretti. I miei figli son ghiotti di risotti, quindi agretti più risotto, ma mancava un altro elemento che ne contrastasse il gusto dolce. Ho optato per il gorgonzola. Ebbene è piaciuto moltissimo e soprattutto l'hanno divorato i miei figli!



Ingredienti
550 gr riso
1 mazzo di agretti
100 gr gorgonzola
50 gr parmigiano
1/2 bicchiere di vino bianco
1 scalogno
olio sale q.b

Ho dimenticato di pesare gli agretti, ma meglio abbondare, perché la salsa che se ne ricava, la si può conservare, sempre se non avete un marito, che come il mio, l'ha mangiata a cucchiaiate! Ho lavato accuratamente gli agretti e lasciati in ammollo per 10" con il bicarbonato, risciacquati più volte. Li ho lessati e conservato l'acqua di cottura per il risotto. Li ho frullati con l'aggiunta di olio, parmigiano e sale. Qualche ciuffo l'ho lascito da parte.



Ho messo lo scalogno con l'olio e lo fatto imbiondire, ho aggiunto il riso che ho tostato e sfumato con il vino bianco. Quando è evaporato il vino ho messo una parte di salsa di agretti e amalgamato.


Ho cotto il riso con l'acqua di cottura degli agretti e aggiunto, nel mentre, altra salsa. Qualche minuto prima di terminare la cottura ho aggiunto il gorgonzola a pezzetti un po' per volta facendolo sciogliere.


Una volta sciolto il gorgonzola e asciugato il riso ormai cotto, ho messo il ciuffo di agretti tagliuzzato, il parmigiano e mantecato. Sul risotto un po' di salsa di agretti, pezzetti di gorgonzola... ed è pronto per essere mangiato.








venerdì 27 aprile 2012

Tortiglioni al Pesto di Zucchine & Pinoli




Questa ricetta, mia madre la preparava per farmi mangiare le zucchine, metteva tanto basilico per nasconderne il sapore, ma in realtà lo valorizzava rendendolo molto appetitoso. Devo ammettere, che a tutt'oggi le mangio solo così o nel passato di verdura. Adesso che ho due adorabili figli, mantengo la tradizione, per far mangiar loro le verdure e in più aggiungo i pinoli di cui son ghiotti.
Le dosi sono molto variabili a proprio gusto, io con questa dose ne ho anche congelato un bel po'.

Ingredienti

400 g torciglioni
3 zucchine di media grandezza
basilico un bel mazzetto
cipolla, olio e sale
pinoli (facoltativi)
parmigiano a piacere


Ho lavato il basilico tagliato a rondelle le zucchine e la cipolla. Ho optato per una cottura light e ho messo il tutto nella pentola a pressione con l'olio. Ho fatto cuocere per 15” dal fischio della valvola.
Per la cottura non light si soffrigge la cipolla con le zucchine e poi si aggiunge il basilico e l'acqua fino a terminare cottura.
Ho aggiunto il sale, tolto parte dell'acqua di cottura e messa nella pentola per cuocere la pasta, poi con il minipimer ho frullato tutto, il pesto dovrà risultare così. Ho aggiunto i pinoli e frullati insieme alle zucchine.



In una pentola antiaderente ho mantecato i torciglioni, con il parmigiano e i pinoli interi. Che profumino...
Un bel primo piano.


Curiosità

martedì 17 aprile 2012

Torta di Yogurt alle Fragole con Mousse di Fragole e Cioccolato Bianco




Questa torta, conosciuta come "la torta dei sette vasetti di yogurt", l'ho vista alla prova del cuoco in tv, preparata da Anna Moroni per la festa della mamma. Una torta con yogurt alle fragole...
Mio figlio adora le fragole e fortunatamente festeggia il suo compleanno proprio quando questo frutto è di stagione. Quindi ne ho approfittato per fargli una torta tutta alle fragole. Per la farcia ho preso spunto da una ricetta su Cookaround "torta al cioccolato con crema di fragole" di Nightfairy .....
Ho fatto però alcune modifiche, ho utilizzato il cioccolato bianco, la bagna con il latte e la glassa con la gelè di fragole.

PER LA TORTA
1 vasetto di yogurt alle fragole
2 vasetti di zucchero
3 vasetti di farina
(io uso due di farina e uno di fecole di patate,la torta viene più soffice)
1 vasetto olio di semi di arachidi
3 uova
1 bustina di lievito 
1 bustina di vanillina
"come unità di misura per le dosi si usa un vasetto (vuoto) di yogurt da gr 125"

PER LA FARCIA
150 gr di fragole
10 gr di colla di pesce
150 gr di cioccolato bianco
450 gr di panna
50 gr di zucchero
2 cucchiai di succo di limone

GELEE DI FRAGOLE 
150 gr di fragole
10 gr di colla di pesce
50 gr di zucchero
2 cucchiai di succo di limone

Per la torta ho montato inizialmente nel robot lo zucchero e le uova, ho aggiunto mentre è in funzione, lo yogurt, l'olio, la farina, la fecole di patate, la vanillina ed il lievito. L'ho infornata, in una teglia per otto porzioni usa e getta, a 170 ° modalità ventilato.
Dopo che la torta si è raffreddata l'ho divisa in due.
Per la farcia ho frullato le fragole con lo zucchero ed il limone. Trasferito la purea in un tegame e cotto per 3-4 minuti. Ho aggiunto la colla di pesce ammollata in acqua fredda e ben strizzata. Ho filtrato, con il colino, la purea per eliminare i semini. 
A parte ho portato a bollore 250 gr di panna e unito il cioccolato tritato, mescolando per ottenere una crema omogenea, alla quale ho, una volta intiepidita, unito la purea di fragole. La restante panna l'ho montata ed unita alla farcia.
Per la bagna ho miscelato due cucchiai di "guarnizione alla fragola della Paneangeli" con il latte e ho aggiunto zucchero a velo alla fragola.
Per la glassa ho frullato le fragole, ho aggiunto lo zucchero ed il limone. L'ho fatta bollire per alcuni minuti ed aggiunto la colla di pesce ammollata nell'acqua fredda. Ho filtrato per eliminare semini. 
Preciso che non avevo un rettangolo regolabile per contenere la torta quindi me ne sono costruita uno di cartoncino che ho ricoperto di carta forno e messo su vassoio, all'interno ho messo il primo strato di torta bagnata con il latte alla fragola, poi la farcia, l'altro strato bagnato anch'esso e versato su la glassa.


La torta l'ho lasciata nel freezer per un pomeriggio intero... In fine l'ho decorata con fragole intinte nel cioccolato bianco e con una fascia cioccolato bianco tutta intorno... 
Per la fascia ho sciolto 100 gr di cioccolato e steso su carta forno, l'ho fatta asciugare e poi fatta aderire al perimetro della torta sfilando via la carta.
Le fragole adagiate sulla glassa con una serie di ghirigori sempre in cioccolato bianco...
Una vera goduria per il palato











Strudel ai Frutti di Mare







Questo strudel è nato, per sperimentare nuovi gusti, in quanto lo strudel è per antonomasia un dolce.
Avevo pensato di farlo con un ripieno a base di pesce... un ripieno che fosse appetitoso... e quale se non un ripieno ai frutti di mare?


Per il ripieno:

cozze
vongole
code di gamberi
seppioline
olive nere, olio, aglio e prezzemolo e sale q.b.
250 gr di pomodori pelati.

Per il ripieno ho fatto soffriggere l'aglio, ho aggiunto i frutti di mare, li ho fatti sfumare con il vino bianco e ho aggiunto i pelati frullati con il minipimer. In mezz'ora il ripieno è pronto.


Per la sfoglia ho usato questa ricetta presa dal sito di www.gennarino.org/strudel.htm

250 gr di farina bianca
acqua tiepida q.b.
2 cucchiai abbondanti di olio di semi (o di burro sciolto)
Con questa quantità ho fatto due mini strudel.
La sfoglia l'ho preparata con l'impastatrice, e ho usato l'olio,l 'ho fatta riposare per 30" cieca in forno preriscaldato a 50 ° e poi l'ho stesa sulla carta da forno sottilissima (meglio se stesa su di un canovaccio di cotone).
Ne ho ricavato un rettangolo, sul quale ho messo del pane grattato ed il ripieno tutto sul lato più lungo, lasciando un po' di spazio ai bordi, poi ho arrotolto lo strudel con l'aiuto della carta forno. 


L'ho spennellato con l'uovo ed infornato in modalità ventilato a 170° per 30" circa. 





Calamari Ripieni... con Ricotta e Tonno

Il ripieno classico è con pane, uovo, prezzemolo, formaggio, aglio e prezzemolo etc., ma i miei pargoli così non piace, per cui ho voluto fare un ripieno diverso, delicato e che sicuramente avrebberro mangiato. 

Ingredienti
500gr di pelati
800 gr di calamari
500 gr di ricotta
160 gr di tonno sotto'olio
2 uova
1/2 bicchiere di vino bianco
pan grattato q.b
olio basilico e salè q.b
Ho pulito i calamari e tagliato a pezzetti i tentacoli, ho messo a scolare la ricotta dal siero, ho tagliato a pezzettini il basilico con il coltello e aggiunto in quest'ordine in una ciotola:
la ricotta, il tonno frullato con il mini pimmer, le uova, il pan grattato ed il basilico, ho amalgamato il tutto ed infine ho aggiunto i tentacoli.


Poi con una sac a poche ho riempiti i calamari e chiusi con uno stuzzicadenti.
In tutto avevo 9 alamari, mi è avanzato del ripieno e ho fatto delle polpette fritte per cena aggiungendo solo un po' di pangrattato in più per rendere il composto più sodo.
In una pentola alta ho messo l'aglio a soffriggere con l'olio e un po' di pomodoro, ho aggiunto i calamari, li ho fatti rosolare e sfumati con il vino bianco "Falanghina". Ho aggiunto altro pomodoro, abbassato la fiamma e fatti cuocere.A cottura ultimata ho aggiunto il basilico, per profumare di più la salsa.Ecco qui un bel primo piano. Con la salsa, mia madre, condiva anche la pasta taglio lungo, linguine o spaghetti.





lunedì 16 aprile 2012

Una Stella per... Colazione


Questo dolcetto lo preparo spesso per mio figlio Daniele che non mangia più il latte a colazione da almeno sei anni, preferisce il tè con i biscotti. Io invece lo adoro e se dovessi mangiare, appena sveglia, solo un tè con i biscotti... starei "incavolata" tutto il giorno! Il mattino ci vuole qualcosa di più sostanzioso e goloso. Qualcosa che mi addolcisca e rassereni anche in un giorno di tempesta. Ovviamente questo è solo il mio punto di vista, mio figlio starebbe volentieri anche a digiuno. Però quando a colazione gli preparo una buona fetta di torta agli agrumi, difronte alla quale so che non sa resistere, con un succulento succo d'arancia rossa, mi guarda... ed allora ci sintonizziamo sulla stessa frequenza d'onda! La ricetta è quella della Torta al Limone, con succo di arancia. Questa volta senza le bucce degli agrumi perché non sono biologici.


Ingredienti

200 gr di farina
100 gr di amido di mais
200 gr di zucchero
3 uova
1 arancio spremuto + la buccia grattugiata
1/2 limone spremuto + la buccia grattugiata
180 gr olio di semi di arachidi (o bicchiere di carta)
180 gr di latte(o bicchiere di carta)
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale

Crema

180 gr di acqua (o bicchiere di carta)
160 gr zucchero
1 arancio spremuto + la buccia grattugiata
1/2 limone spremuto + la buccia
30 gr amido di mais
1 bustina di vanillina

Monto le uova con lo zucchero, aggiungo il latte, l'olio, la spremuta di arancio, di limone + la buccia (io non l'ho messa), la farina e l'amido miscelati, la vanillina, il lievito ed il sale. Utilizzo una teglia imburrata da 24 cm di diametro ed inforno a 170° ventilato per 40" circa. Per la crema ho miscelato l'amido di mais con lo zucchero, ho aggiunto la spremuta di arancio + limone + buccia (io non l'ho messa) e l'acqua. L'ho portata a bollore, mescolandola di tanto in tanto. Appena si formano dei grumi, attendo ancora un minuto sempre mescolandola e poi l'allontano dal fuoco lasciandola raffreddare. La torta, l'ho tagliata e bagnata con la spremuta di arancio l'ho farcita con la crema. La prossima volta la proverò con i mandarini. Ah dimenticavo il succo di frutta all'arancio nella foto è comprato.




sabato 14 aprile 2012

Chocolate & Coconut Cake

Sono una "golosona" e quando vedo il cioccolato perdo la ragione e dopo aver provato Chocolate Cake Archimede ricetta presa su di un forum di cucina mio figlio teneramente mi ha detto "Buona mamma, se me ne dai un altro pezzetto io me la mangio" . 
Così l'ho rifatto anche per il suo compleanno modificandone la ricetta con l'aggiunta di cocco per la base di biscotti, cioccolato bianco per la copertura al posto del cioccolato fondente e tre strati di cui uno con ricotta e cioccolato fondente, uno ricotta e cioccolato bianco e l'ultimo ricotta e cioccolato al latte con il pralinato alle nocciole. E con piacere è stato apprezzatissimo dagli amichetti e dalle mamme.


Ingredienti per la base biscotto
150 gr di biscotti 
50 gr burro una tazzina piccola di rhum 
30 gr cocco disidratato

1° strato con:
100 gr ricotta
100 gr cioccolato bianco 
20 gr nocciole tritate

2° strato:
100 gr ricotta
100 gr cioccolato fondente

3° strato:
100 gr ricotta
100 gr cioccolato al latte con 5 cucchiaini di pralinato (o in sostituzione il cioccolato gianduia) 

copertura
100 gr cioccolato bianco 
50 gr cioccolato fondente
un pacco di Pavesini 

Ho aggiunto il cocco disidratato ai biscotti e, non avendo il cioccolato al gianduia, ho messo del pralinato nel ciocco al latte.
Ho versato il burro fuso, il rum, ed il cocco disidratato ai biscotti tritati, li ho ben amalgamati e pigiati sulla base di una tortiera a cerchio apribile 24 cm di dimetro cercando livellarli bene. Ho poi riposto la base biscotto a solidificare nel freezer.
Nel frattempo ho sciolto il cioccolato bianco a bagnomaria e una volta intiepidito l'ho amalgamato alla ricotta e ho poi aggiunto le nocciole tritate. Ho versato il composto sulla base biscotto e riposto in freezer per 30" circa. Stessa procedura anche per gli altri strati.
Per la copertura finale ho sciolto il cioccolato bianco, ho ricoperto la superficie e riposto nuovamente in freezer. Una volta solidificato il semifreddo, con una siringa piena di cioccolato fondente ho disegnato una spirale e con uno stuzzicadenti partendo dal centro verso l'esterno ho disegnato dei raggi creando la ragnatela. In ultimo ho messo i pavesini tutti intorno e riposta nuovamente a solidificare. L'ho tolta dal frigo circa 30" prima di servirla. Voilà una delizia!

               

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...